lunedì 11 dicembre 2017, ore 21.06
Austria
Austria
Belgio
Belgio
Cipro
Bulgaria
Cipro
Cipro
Danimarca
Danimarca
Estonia
Estonia
Finlandia
Finlandia
Francia
Francia
Germania
Germania
Grecia
Grecia
Irlanda
Irlanda
Italia
Italia
Lettonia
Lettonia
Lituania
Lituania
Lussemburgo
Lussemburgo
Malta
Malta
Paesei Bassi
Paesi Bassi
Polonia
Polonia
Portogallo
Portogallo
Regno Unito
Regno Unito
Repubblica Ceca
Repubblica Ceca
Cipro
Romania
Slovacchia
Slovacchia
Slovenia
Slovenia
Spagna
Spagna
Svezia
Svezia
Ungheria
Ungheria
 

Formaggi (149)
Prodotti a base di carne (66)
Carne fresca (37)
Pesce (10)
Altri prodotti di origine animale (9)
Oli e burro (61)
Olive da tavola (5)
Ortofrutticoli e cereali (117)
Panetteria e Pasticceria (23)
Birre (17)
Altre bevande (18)
Altri prodotti (10)






Euroricette - Ortofrutticoli e cereali: Basilico genovese
Basilico genovese

Provenienza: Italia
Categoria: Ortofrutticoli e cereali
Marchio di tutela: D.O.P.


Il Basilico genovese è stato coltivato fino dall'antichità, soprattutto come pianta ornamentale e per l'estrazione di essenza per le presunte qualità terapeutiche ed, in quanto tale, introdotto dai Romani che ad esso attribuivano proprietà curative.
La sua attuale notorietà è certamente più dovuta agli usi culinari di quanto non lo sia per le virtù terapeutiche che gli sono state attribuite dall'erboristeria e dalla medicina popolare.
In particolare, nella realizzazione del pesto genovese, prodotto tipico italiano, nato in Liguria e noto
in tutto il mondo.
Il sistema di preparazione del pesto genovese richiede che gli ingredienti siano pestati nel mortaio di marmo con apposito pestello di legno, di marmo o di vetro.
Ingrediente principale del pesto genovese è il basilico che tradizionalmente proveniva dal versante
Tirrenico della Regione Liguria, il quale presenta le caratteristiche organolettiche richieste per tale
preparazione, quali assenza assoluta di sentore di menta, profumo molto intenso e gradevole.
Un ricettario di cucina italiana del 1864 prevede l'utilizzo del basilico genovese per la preparazione
di alcune ricette, a prova dell'uso divenuto quotidiano di tale essenza. L'inchiesta agraria effettuata
dal Jacini nel 1883, registra come già consolidata la coltivazione del basilico in coltura forzata
nella riviera ligure, mediante l'utilizzo di piccole serre, per assecondare la richiesta sempre crescente di tale specie.
Storicamente il nucleo originario di produzione era circoscritto nell'areale genovese,
essendo più vicino al mercato, assistendo successivamente ad un progressivo incremento della
richiesta e conseguentemente ad una espansione della zona di produzione.
La rintracciabilità del prodotto è garantita dal fatto che i produttori del «Basilico Genovese» devono
iscriversi in un apposito elenco dei produttori attivato, tenuto ed aggiornato dall'organismo di
controllo. Inoltre, i produttori sono tenuti a comunicare annualmente, trenta giorni prima della
semina, la superficie da investire, la varietà di semente utilizzata, le dimensioni massime del mazzetto
o del bouquet che si intende adottare.
Il produttore deve altresì, entro il 31 gennaio dell'anno successivo, trasmettere i quantitativi effettivamente prodotti e commercializzati.
È vietata la produzione di «Basilico Genovese» su substrati privi di terreno autoctono.
L'ambiente pedoclimatico dell'areale ligure è caratterizzato da un microclima favorevole
alla coltivazione del basilico, risultato della originale combinazione e della reciproca influenza di
fattori abiotici (terreno, temperatura, acqua, luce, vento) e di fattori biotici (organismi animali e vegetali)che appare realizzata solo in tale area.
Le caratteristiche del terreno rappresentano un fattore
limitante la scelta colturale, le parziali modifiche della natura fisica del terreno, ammissibili per la
coltivazione del basilico, sono esclusivamente motivate dalla particolare tecnica di raccolta delle
piante, che deve avvenire senza danneggiare le medesime.
L'eventuale ammendamento del terreno è
fattore importante nella gestione della coltivazione perché può risolvere limitati e ben individuabili
problemi di drenaggio ma appare ininfluente ai fini della tipicità del prodotto finito.
L'andamento giornaliero della temperatura influenza in maniera diretta la scelta colturale (termoperiodismo),
assieme alla disponibilità e alla qualità dell'acqua, alla luce ed al vento.
La disposizione stessa del territorio
ligure favorisce la coltivazione di questa specie, poiché il suo asse maggiore si dispone sulla
crosta terrestre secondo i paralleli, le coltivazioni rimangono esposte lunghe ore, anche in inverno,
alla luce solare, con una esposizione a sud che, oltre a garantire la protezione dai freddi venti provenienti
da nord, est e ovest – grazie alla sua particolare forma ad arco – subisce il positivo effetto termoregolatore del mare.
Il basilico che si coltiva in Liguria è la fusione unica ed irripetibile di territorio, ambiente e cultura.
Sono proprio le condizioni climatiche ligure, caratterizzate da una forte luminosità anche nel periodo
invernale, da temperature che raramente scendono al di sotto dei 10 °C e dal costante flusso di aria
temperata dal mare, che in maniera univoca si fondano con le caratteristiche chimico-fisiche del
terreno, con la capacità tecnica e le tradizioni degli agricoltori a creare un prodotto finale contraddistinto
da aromi non rintracciabili nel medesimo rapporto e dosaggio nel basilico prodotto in altre
zone.
Pur essendo l'areale climatico cui appartiene la Liguria quello del basso Lazio e della Campania, e l'origine pedologica dei terreni su cui si alleva il basilico la medesima di quella del basso Piemonte,tuttavia il Piemonte è caratterizzato da un clima tipico continentale, mentre l'origine pedologica dei terreni del centro Italia è diversa da quella ligure. Quindi l'unione di clima e terreno con la cultura dell'imprenditore agricolo ligure è irripetibile ed originale.
Il basilico allevato in Piemonte o in altre Regioni limitrofe alla Liguria è caratterizzato da un aroma di menta, mentre quello coltivato in aree
più meridionali è decisamente meno delicato.
Confrontando piante di basilico della Liguria e di altre
provenienze, la resa in olio essenziale del basilico proveniente dalla Liguria è decisamente differente
rispetto a quella di basilici provenienti da altre regioni, tale resa aumenta in maniera statisticamente
significativa passando dal basilico coltivato per tutto il proprio ciclo colturale in Liguria, a quello allevato
in altri territori italiani. La stessa composizione dell'olio essenziale risulta differente, così come il
rapporto tra le diverse sostanze, tale da produrre un aroma nettamente diversificato.
Si può individuare
con chiarezza il basilico coltivato per tutto il proprio ciclo colturale in Liguria da quello sottoposto
ad un diverso ambiente.
Prendendo in considerazione le sostanze presenti in maggiori quantità, o quelle la cui presenza può condizionare, anche in piccole dosi, l'aroma finale della foglia di basilico, è possibile caratterizzare in maniera evidente il basilico coltivato in Liguria rispetto a quelli di altra provenienza.
La caratterizzazione dell'aroma del basilico genovese, nonché le proprietà qualitative di quest'ultimo non possono prescindere dalla zona di produzione ligure.
Il basilico è una della colture più rappresentative e tipiche della Liguria, simbolo di una cucina da
sapori antichi.
Le caratteristiche del «Basilico Genovese», assenza assoluta di sentore di menta, profumo molto
intenso e gradevole e colorazione delle foglie particolarmente tenue, sono determinate dalle particolari
condizioni pedoclimatiche del territorio ligure.
Le caratteristiche podologiche, l'irraggiamento solare unitamente ad un clima particolarmente mite, dove la brezza marine svolge un ruolo preminente,definiscono la particolarità della zona di produzione. In tale zona si sono sviluppate delle capacità
tecniche specifiche che assicurano standard qualitativi elevati e costanti.
Il basilico, seppure coltura «minore» a livello nazionale ed internazionale, a livello regionale rappresenta
un importante fonte di reddito per molte imprese agricole che lo coltivano, in serre, tutto l'anno
e, in pieno campo, nel periodo estivo. Già negli anni venti e trenta del secolo scorso fiere e mostre
internazionali di ortofrutticoltura si svolgevano a Finale Ligure, dove le primizie sotto serra di tutta la
Regione, tra cui il basilico, erano le più premiate.
A testimonianza dell'importanza di queste colture per l'economia regionale, sono pervenuti fino ai nostri giorni gli Annuari dell'agricoltura italiana e gli
altri documenti, che in quegli anni descrivevano con puntualità e vivo interesse questa realtà.
Il basilico continua ancora oggi a rappresentare una parte importante della realtà agricola e della cultura
del territorio ligure.
Il basilico genovese è la fusione unica ed irripetibile di territorio, ambiente e cultura.

TornaTorna





Clementine del Golfo di Taranto
Clementine del Golfo di Taranto

Frutti allo stato fresco, riferibili alla specie Citrus clementine Hort. ex Tanaka, delle seguenti varietà:...

Guarda la scheda del prodotto
Clementine di Calabria
Clementine di Calabria

Le Clementine sono piccoli agrumi ibridi del mandarino con l'arancio amaro.
Della grandezza di una...

Guarda la scheda del prodotto
Castagna di Vallerano Dop
Castagna di Vallerano Dop


La zona di produzione della "Castagna di Vallerano Dop" comprende il territorio del comune di Vallerano...

Guarda la scheda del prodotto
Castagna di Montella
Castagna di Montella

La castagna fu importata in Italia dai greci:il suo nome deriva, per l'appunto dal greco Kàstanon e...

Guarda la scheda del prodotto
Castagna del Monte Amiata
Castagna del Monte Amiata

Già negli statuti delle comunità dell’Amiata del XIV secolo si ritrovano specifiche norme per la salvaguardia...

Guarda la scheda del prodotto

 
Il periodico Euroricette è iscritto al n°578 del Registro Stampa del Tribunale di Alessandria dal 4/4/2005
Alcune foto inserite nel sito sono state reperite su Internet.
Qualora soggetti o autori fossero contrari alla pubblicazione sono pregati di segnalarlo via e-mail
Copyright 2005-2011 - www.euroricette.it - Tutti i diritti riservati

DBN Communication