venerdì 20 ottobre 2017, ore 04.55
Austria
Austria
Belgio
Belgio
Cipro
Bulgaria
Cipro
Cipro
Danimarca
Danimarca
Estonia
Estonia
Finlandia
Finlandia
Francia
Francia
Germania
Germania
Grecia
Grecia
Irlanda
Irlanda
Italia
Italia
Lettonia
Lettonia
Lituania
Lituania
Lussemburgo
Lussemburgo
Malta
Malta
Paesei Bassi
Paesi Bassi
Polonia
Polonia
Portogallo
Portogallo
Regno Unito
Regno Unito
Repubblica Ceca
Repubblica Ceca
Cipro
Romania
Slovacchia
Slovacchia
Slovenia
Slovenia
Spagna
Spagna
Svezia
Svezia
Ungheria
Ungheria
 

Formaggi (149)
Prodotti a base di carne (66)
Carne fresca (37)
Pesce (10)
Altri prodotti di origine animale (9)
Oli e burro (61)
Olive da tavola (5)
Ortofrutticoli e cereali (117)
Panetteria e Pasticceria (23)
Birre (17)
Altre bevande (18)
Altri prodotti (10)






Euroricette - Ortofrutticoli e cereali: Aktinidio Pierias
Aktinidio Pierias

Provenienza: Grecia
Categoria: Ortofrutticoli e cereali
Marchio di tutela: I.G.P.


La pianta che dà il frutto noto oggi in tutto il mondo con il nome "kiwi" appartiene alla famiglia delle Actinidiaceae dell'ordine Ericales. Si tratta di una rampicante perenne decidua delle regioni subtropicali che richiede un supporto. Il frutto ha un sapore agrodolce ben equilibrato, un caratteristico profumo delicato e la polpa di un bel colore verde. Oltre alle sue interessanti qualità organolettiche presenta un eccezionale valore nutrizionale: è infatti il frutto con il maggiore tenore di vitamina C; inoltre, ha un elevato tenore di sali inorganici, soprattutto potassio, fosforo e calcio, ma anche magnesio e ferro. Tutto il frutto è commestibile, tranne la buccia che si toglie facilmente. Il frutto maturo viene consumato intero o in macedonia; è inoltre usato per la preparazione di eccellenti confetture e gelatine; può essere inscatolato/imbottigliato, surgelato, essiccato e spremuto. Tra tutte le varietà esistenti, nella pianura di Pieria si è acclimatata e viene coltivata la "Hayward", che dà grossi frutti regolari che pesano mediamente 90-100 grammi. La delicata buccia bruna è ricoperta di lieve peluria. La polpa, di colore verde chiaro, è trasparente, succosa, profumata, lievemente acidula e ha un elevato tenore di vitamina C. Secondo i nutrizionisti, un frutto al giorno è sufficiente a coprire il fabbisogno di vitamina C dell'organismo umano. "Hayward" è una varietà precoce. La maturazione comincia a fine ottobre/inizio novembre. Si conserva in celle frigorifere fino a nove mesi senza perdere le sue caratteristiche organolettiche e sopporta bene il trasporto e le varie manipolazioni.
In Grecia, la coltivazione della pianta è stata avviata nel 1973 nella pianura di Pieria al termine di ricerche volte a verificare che la zona presentasse condizioni pedologiche e climatiche adeguate. Da allora la coltivazione si è sviluppata rapidamente: nella prefettura si estende oggi su 18000 ha. La resa media è di 13 tonnellate/ha. Le 23000 tonnellate prodotte annualmente rappresentano il 60 % della produzione greca complessiva. La zona geografica di produzione è rappresentata dalla pianura di Pieria, che comprende a nord i comuni di Eginio, Methoni e Pidna, a sud quelli di Dio Litokhorio e An. Olimpos e al centro i comuni di Korini, Katerini e Paralia.
Il microclima della zona, creato dalle due catene montuose di Olimpo a sud-ovest e Pieria a nord-ovest e dal vicino mare (la zona ha 60 km di costa), il sole e il terreno fertile, ben drenato e a pH neutro garantiscono le condizioni ottimali per la coltivazione della pianta, che dà un frutto di qualità con eccellenti proprietà organolettiche e un delicato profumo esotico. Per la particolare adattabilità dimostrata dal kiwi e le peculiarità acquisite dal frutto coltivato in questa zona, gli è stato dato il nome simbolico di frutto dell'Olimpo con il quale è oggi noto su tutti i mercati.
Il kiwi è originario della Cina sudoccidentale, dove si trovano oggigiorno le varietà selvatiche. Inizialmente denominato "uva spina cinese", è stato ribattezzato molto tempo dopo kiwi come il famoso uccello non volatore della Nuova Zelanda, dove è iniziata la coltivazione del frutto su scala commerciale. In Grecia la coltivazione è iniziata nel 1973 nella pianura di Pieria, dove il frutto si è acclimatato ed adattato, acquisendo qualità peculiari in considerazione delle quali è stato chiamato "Frutto dell'Olimpo" ed è stato riconosciuto il logo "Olymp Kiwi". Tutta la produzione della zona geografica sopra descritta viene conferita all'unione delle cooperative agricole di Pieria, associazione di produttori riconosciuta che registra tutti i dati (superficie a kiwi, produzione, smercio) per i suoi soci coltivatori. Tutte le piantagioni di kiwi sono registrate (per socio coltivatore dell'unione) e vengono controllate quantità e qualità della produzione. I kiwi vengono raccolti, immagazzinati, calibrati e confezionati nei depositi frigoriferi/centri di condizionamento dell'unione situati nel comune di Korini. I frutti vengono inoltrati ai mercati esteri con camion frigorifero. I funzionari autorizzati dell'organo di controllo - il servizio Agricoltura della prefettura - controllano la produzione, il condizionamento e il trasporto dei kiwi sulla scorta delle pertinenti decisioni ministeriali.
I kiwi vengono raccolti da fine ottobre a metà dicembre, quando il loro tenore di zuccheri raggiunge i 6,5-7,0 Brix. Essi vengono colti a mano con estrema attenzione per non danneggiarli, collocati in cassette di plastica da 20 chili e portati nei depositi frigoriferi/centri di condizionamento dell'unione delle cooperative agricole di Pieria, dove vengono preparati per essere conservati in celle frigorifere, in atmosfera normale o controllata in funzione del periodo di magazzinaggio.
Dopo la pesatura elettronica e la calibratura i kiwi vengono confezionati in scatole di cartone a perdere a uno, due o più piani, che indicano il numero di frutti contenuti.
Tutti i kiwi coltivati nella zona geografica delimitata vengono commercializzati dall'unione delle cooperative agricole di Pieria per conto dei soci produttori.
I frutti vengono inoltrati ai mercati esteri con camion frigorifero oppure, se si tratta di quantitativi modesti, per via aerea. Per il mercato interno si usano camion normali.
Circa il 70 % della produzione viene smerciata sui mercati esteri, soprattutto la Germania, i Paesi Bassi, l'Austria e la Russia. Quantitativi inferiori vengono esportati verso la Turchia, l'Arabia Saudita, ecc.
L'unione delle cooperative agricole di Pieria ha svolto un ruolo di primo piano nella promozione del kiwi greco sui mercati esteri migliorando progressivamente le operazioni di calibratura/condizionamento e l'organizzazione della struttura commerciale, nonché indirizzando e controllando costantemente i soci coltivatori al fine di migliorare e garantire le qualità specifiche del prodotto che ne hanno determinato le caratteristiche di qualità ed affidabilità.
Il microclima prevalente nella zona di coltivazione è determinato da due catene montuose, Olimpo a sud-ovest e Pieria a nord-ovest, nonché dalla prossimità del mare (la zona ha 60 km di costa). Questi elementi fanno sì che la zona non sia esposta al vento né alle gelate, in particolare quelle all'inizio della primavera e del tardo autunno che ostacolano il corretto sviluppo della pianta e la fruttificazione. Queste peculiarità geografiche garantiscono inoltre la necessaria umidità relativa ed escursioni termiche entro i limiti necessari per garantire a) il freddo necessario per interrompere la dormienza e b) il pieno sviluppo del potenziale naturale di fioritura e fruttificazione. L'irradiamento solare di Pieria è un altro fattore che incide positivamente sullo sviluppo dei frutti e sulla loro composizione chimica (equilibrio acido/zuccherino) determinando caratteristiche organolettiche eccellenti. Le condizioni pedologiche della zona geografica delimitata, quali la mancanza di tossicità da boro e di calcio attivato e la presenza del necessario tenore di ferro, contribuiscono anch'esse a determinare l'elevata qualità del frutto (polpa soda) e la capacità di conservarsi fino a nove mesi dalla raccolta senza deteriorarsi. Infine, le tecniche di coltivazione, fondate su una lunga esperienza, contribuiscono anch'esse alla formazione di frutti regolari di buone dimensioni.
Si tratta delle seguenti tecniche di coltivazione:
- buona impollinazione realizzata mediante selezione di piante maschili messe a dimora in numero adeguato,
- collocamento di alveari per garantire l'impollinazione grazie alle api,
- distruzione della vegetazione spontanea, che viene utilizzata insieme ad altri residui vegetali come concime ecologico e neutralizza l'alcalinità del terreno,
- potatura delle piante in forma di pergola o semipergola; tale sistema favorisce la penetrazione di un'adeguata quantità di luce e la ventilazione dei frutti, nonché la necessaria schermatura affinché non vengano danneggiati dalle elevate temperature estive,
- selezione dei frutti; favorisce il mantenimento e lo sviluppo di frutti regolari,
- concimazione con letame, vinacce e altri resti organici per aumentare la fertilità del terreno e la capacità di ritenzione idrica e nutritizia,
- lotta alle fitopatie secondo linee di controllo biologico o integrato; ciò evita la presenza di residui nocivi nel frutto e contribuisce a mantenere l'equilibrio ambientale.

TornaTorna





Clementine del Golfo di Taranto
Clementine del Golfo di Taranto

Frutti allo stato fresco, riferibili alla specie Citrus clementine Hort. ex Tanaka, delle seguenti varietà:...

Guarda la scheda del prodotto
Clementine di Calabria
Clementine di Calabria

Le Clementine sono piccoli agrumi ibridi del mandarino con l'arancio amaro.
Della grandezza di una...

Guarda la scheda del prodotto
Castagna di Vallerano Dop
Castagna di Vallerano Dop


La zona di produzione della "Castagna di Vallerano Dop" comprende il territorio del comune di Vallerano...

Guarda la scheda del prodotto
Castagna di Montella
Castagna di Montella

La castagna fu importata in Italia dai greci:il suo nome deriva, per l'appunto dal greco Kàstanon e...

Guarda la scheda del prodotto
Castagna del Monte Amiata
Castagna del Monte Amiata

Già negli statuti delle comunità dell’Amiata del XIV secolo si ritrovano specifiche norme per la salvaguardia...

Guarda la scheda del prodotto

 
Il periodico Euroricette è iscritto al n°578 del Registro Stampa del Tribunale di Alessandria dal 4/4/2005
Alcune foto inserite nel sito sono state reperite su Internet.
Qualora soggetti o autori fossero contrari alla pubblicazione sono pregati di segnalarlo via e-mail
Copyright 2005-2011 - www.euroricette.it - Tutti i diritti riservati

DBN Communication