lunedì 25 settembre 2017, ore 02.41
Austria
Austria
Belgio
Belgio
Cipro
Bulgaria
Cipro
Cipro
Danimarca
Danimarca
Estonia
Estonia
Finlandia
Finlandia
Francia
Francia
Germania
Germania
Grecia
Grecia
Irlanda
Irlanda
Italia
Italia
Lettonia
Lettonia
Lituania
Lituania
Lussemburgo
Lussemburgo
Malta
Malta
Paesei Bassi
Paesi Bassi
Polonia
Polonia
Portogallo
Portogallo
Regno Unito
Regno Unito
Repubblica Ceca
Repubblica Ceca
Cipro
Romania
Slovacchia
Slovacchia
Slovenia
Slovenia
Spagna
Spagna
Svezia
Svezia
Ungheria
Ungheria
 

Formaggi (149)
Prodotti a base di carne (66)
Carne fresca (37)
Pesce (10)
Altri prodotti di origine animale (9)
Oli e burro (61)
Olive da tavola (5)
Ortofrutticoli e cereali (117)
Panetteria e Pasticceria (23)
Birre (16)
Altre bevande (18)
Altri prodotti (10)






Euroricette - Ortofrutticoli e cereali: Carciofo Romanesco del Lazio
Carciofo Romanesco del Lazio

Provenienza: Italia
Categoria: Ortofrutticoli e cereali
Marchio di tutela: I.G.P.


Il "carciofo romanesco del Lazio" allo stato fresco, ha le seguenti caratteristiche:
- capolini di forma sferica, compatta, con caratteristico foro all'apice,
- colore da verde a violetto,
- brattee esterne di colore verde con sfumature violette,
- diametro dei cimaroli non inferiore a centimetri dieci,
- diametro dei capolini di primo e secondo ordine non inferiore a centimetri sette.
Il "carciofo romanesco del Lazio" è prodotto nei territori idonei dei seguenti comuni delle province di Viterbo, Roma e Latina nella Regione Lazio: Montalto di Castro, Canino, Tarquinia, Allumiere, Tolfa, Civitavecchia, Santa Marinella, Campagnano, Cerveteri, Ladispoli, Fiumicino, Roma, Lariano, Sezze, Priverno, Sermoneta, Pontinia.
Alcuni autori farebbero risalire l'inizio della coltivazione del carciofo nel Lazio al tempo degli Etruschi. Secondo Montelucci (cfr. Pignatti), il carciofo sarebbe originario del bacino occidentale del Mediterraneo, essendo sconosciuto ad egizi ed ebrei e rinvenendo in alcune tombe della necropoli etrusca di Tarquinia raffigurazioni di foglie di carciofo prese per adornarne le pareti. Tale autore attribuisce l'opera di addomesticamento della specie proprio agli Etruschi. Le imponenti popolazioni di Cynara Cardunculus, nella zona collinare tra Civitavecchia e Tolfa fino alle vicinanze di Cerveteri, avvalorano tale tesi. In epoche più recenti, la coltivazione del carciofo nel Lazio ebbe notevole impulso dopo la II guerra mondiale poiché non aveva bisogno di molte spese di produzione e manteneva una buona produzione per 6-7 anni. Il notevole successo della coltura e la necessità di far conoscere il livello qualitativo del carciofo prodotto in tale territorio, spinse ad istituire nel 1950 la sagra del Carciofo nella zona di Ladispoli. La rintracciabilità del prodotto è garantita dall'istituzione di un elenco di produttori attivato, tenuto ed aggiornato dall'organismo di controllo appositamente autorizzato, che verificherà le metodiche produttive, le caratteristiche del prodotto, i quantitativi di prodotto ottenuti da soggetti iscritti nell'elenco e le modalità di immissione al consumo.
Le cultivar che concorrono alla produzione del "carciofo romanesco del Lazio" sono il "Castellammare" con i relativi cloni ed il "Campagnano" con i relativi cloni.
La coltivazione del "carciofo romanesco del Lazio" prevede, per l'operazione d'impianto, un'accurata preparazione del terreno, l'interramento di concimi ed un definitivo livellamento della superficie. Il trapianto avviene da agosto a ottobre. L'impianto della carciofaia è mantenuto in coltivazione per non più di quattro anni con un avvicendamento triennale della coltura. Le operazioni colturali tipiche del carciofo sono la "dicioccatura" e la "scarducciatura": la prima consiste nell'eliminazione degli steli che hanno portato i capolini, la seconda si attiva mediante l'eliminazione manuale dei carducci superflui. Per il "carciofo romanesco del Lazio" viene allevato un solo carduccio per pianta. La raccolta inizia in gennaio e può protrarsi fino a maggio, secondo le condizioni climatiche.
La zona di produzione del "carciofo romanesco del Lazio" è caratterizzata da una situazione climatica omogenea molto favorevole per la coltivazione del carciofo. La temperatura media nel mese più freddo (gennaio) è compresa tra + 3o e + 6oC. Tali temperature minime sono ottimali per la coltura del carciofo in quanto non scendono mai al di sotto di 0oC grazie all'azione mitigatrice del mare.
La temperatura media nel mese più caldo (luglio) varia da + 21o a + 24 oC ed il numero di ore di sole annuo è compreso tra 2000 e 2200. Anche la quantità e la distribuzione delle precipitazioni sono favorevoli alla coltivazione del carciofo.
Il terreno adibito alla coltivazione è di media tessitura, presenta un pH compreso fra 6,5 e 7,5 con un calcare attivo compreso fra 2 e 3.
I predetti fattori naturali, climatici e podologici sono determinanti nell'attribuire al "carciofo romanesco del Lazio" le sue particolari caratteristiche, alla formazione delle quali contribuiscono anche fattori umani e tecniche tradizionali quali ad esempio la reintegrazione della sostanza organica nel terreno, lasciando i residui colturali previo sminuzzamento e interramento, e quali l'allevamento di un solo carduccio per pianta mediante l'eliminazione degli altri al fine di favorire la crescita del carduccio prescelto. L'insieme dei fattori naturali e umani rende le caratteristiche qualitative del "carciofo romanesco del Lazio" uniche e non riscontrabili in altre cultivar o nelle stesse due cultivar indicate al punto 4.5 coltivate in altre zone geografiche.
Appare superfluo sottolineare la reputazione di cui gode il prodotto, protagonista di numerose sagre e costituente una delle principali risorse del territorio.

TornaTorna





La Bella della Daunia
La Bella della Daunia

La denominazione dell'oliva "La Bella della Daunia" dipende dalla forma caratteristica della drupe,...

Guarda la scheda del prodotto
Acciughe sotto sale del Mar Ligure
Acciughe sotto sale del Mar Ligure

Le Acciughe sotto sale del Mar Ligure IGP sono le acciughe lavorate e conservate tramite salatura, per...

Guarda la scheda del prodotto
Zafferano di San Gimignano
Zafferano di San Gimignano

Lo zafferano di San Gimignano è prodotto mediante tostatura della parte di colore rosso aranciato degli...

Guarda la scheda del prodotto
Bergamotto di Calabria
Bergamotto di Calabria

Il Bergamotto di Calabria è un olio essenziale.
L'origine del Bergamotto è incerta.
Si ritiene...

Guarda la scheda del prodotto
Aceto balsamico di Modena
Aceto balsamico di Modena

L'aceto balsamico di Modena viene ottenuto da un processo di lavorazione di mosto cotto, mosto concentrato,...

Guarda la scheda del prodotto

 
Il periodico Euroricette è iscritto al n°578 del Registro Stampa del Tribunale di Alessandria dal 4/4/2005
Alcune foto inserite nel sito sono state reperite su Internet.
Qualora soggetti o autori fossero contrari alla pubblicazione sono pregati di segnalarlo via e-mail
Copyright 2005-2011 - www.euroricette.it - Tutti i diritti riservati

DBN Communication